Al cinema  |  Avvenimenti  |  Citazioni  |  Bibliografia
Home page  |  Credits

Al cinema nel 1968

Novembre

2 – E’ nelle sale il film americano Lo strangolatore di Boston  (The Boston Strangler) di Richard Fleischer, con Henry Fonda e un inaspettato e bravissimo Tony Curtis nei panni del serial killer.

12- Si svolge a Knokke-Le-Zoute, in Belgio, l’annuale assemblea della Confédération Internazionale dés cinémas d’art et d’essai (CICAE). L’associazione premia il regista polacco Walerian Borowczyk per il film Goto, l’isola dell’amore (Goto, l’ile d’amour). Il premio del pubblico va al film Una sera… un treno (Une soir, un train) di André Delvaux.

14- Esce a Milano Sissignore di e con Ugo Tognazzi.

15 – Esce a Milano L’armata a cavallo (Csillagosoc, katonàk), film del 1967 dell’ungherese Miklós Jancsó .
Nei cinema anche L’età del malessere di Luciano Biagetti, da un romanzo di Dacia Maraini.

17 – Anteprima romana de L’urlo di Tinto Brass, film che vorrebbe mettere alla berlina le ipocrisie e le convenzioni borghesi.

22 – Il XII festival cinematografico di Londra è inaugurato da Fuoco, ragazza mia (Horí, má panenko), ultimo film cecoslovacco di Milos Forman, proibito dalla censura del suo paese.

Nei cinema a Milano Un tranquillo posto di campagna di Elio Petri, annunciato nella locandina come un «un film contro le donne che piace alle donne».

Sugli schermi anche Bora Bora, secondo lungometraggio erotico dell’anno di Ugo Liberatore. Il film, ambientato in Polinesia, frutterà al botteghino quasi due miliardi di incassi. Nel 1971 subirà il sequestro da parte della censura.

23 – Il film di Pasolini Teorema è dissequestrato con una sentenza che recita: «Lo sconvolgimento che Teorema provoca non è affatto di tipo sessuale, è essenzialmente ideologico e mistico. Trattandosi incontestabilmente di un’opera d’arte, Teorema non può essere sospettato di oscenità».

 

 
     © 2008 Un filo rosso