Al cinema  |  Avvenimenti  |  Citazioni  |  Bibliografia
Home page  |  Credits

Al cinema nel 1968

Settembre

4 – Prima italiana di Fuoco! di Gian Vittorio Baldi. Il film, presentato a Venezia, narra in un asciutto e documentaristico bianco e nero un tragico fatto di cronaca. Prodotto con finanziamenti indipendenti, riceverà vari riconoscimenti internazionali.

5 – Alla Mostra di Venezia viene proiettato Teorema di Pier Paolo Pasolini. Il regista, contrario alla partecipazione al concorso, abbandona la città e invita i critici a disertare la prima. Solo una quindicina di giornalisti raccoglie l’appello.
Anche Nelo Risi, autore di Diario di una schizofrenica, afferma che non assisterà alla proiezione del suo film previsto per l’indomani. Ma diversamente da Pasolini non vi si opporrà.

6 – Nei cinema a Milano Svezia inferno e paradiso di Luigi Scattini, regista italiano specializzato nel genere erotico voyeristico. Con questo film realizzerà quasi 2 miliardi di incassi. Altro film in cartellone Nude e caste alla fonte di Carlo Spiehs, pellicola made in Germania del 1966, anch’essa destinata a un buon successo di pubblico. I film che si segnalano per il contenuto erotico sono, tra quelli in programmazione, sempre decisamente numerosi. In vari periodi rappresentano circa il 50% dei film in programmazione in una grande città.

7 – Il Leone d’oro di Venezia viene assegnato al film Sotto la tenda del circo:perplessi (Die Artisten in der Zirkuskuppel: ratlos) di Alexander Kluge, cineasta del Nuovo cinema tedesco. Migliore attore è John Marley in Faces di John Cassavetes (USA); migliore attrice Laura Betti in Teorema di Pier Paolo Pasolini. Il premio speciale della giuria va a Nostra signora dei Turchi di Carmelo Bene. L’effetto della contestazione sarà l’abolizione della competizione e del conferimento dei premi per tutto il decennio successivo.
Reduce da Venezia esce nelle sale Galileo di Liliana Cavani. Il film, che mette sotto accusa l’oscurantismo religioso, avrà uno scarso successo di pubblico.

8 – Nella serata conclusiva del cosiddetto “Festival clandestino” di Montecarlo viene proiettato in anteprima Baci Rubati (Baisers volés) di Francois Truffat.

12 – Sbloccato dalla censura «per i suoi meriti artistici», come annuncia la locandina, arriva nella sale Poor Cow, primo film di Ken Loach.
Esce a Milano Due sporche carogne (Adieu l’ami) di Jean Herman con Alain Delon e Charles Bronson, film spettacolare e con buon successo di pubblico.
Si svolge a Bergamo il “Concorso internazionale del film d’autore”.

13 – Teorema è sequestrato a Roma per oscenità. Pasolini sarà processato a Venezia il 23 novembre e sarà assolto.

19 – Anteprima italiana di Non si maltrattano così le signore (No Way to Treat a Lady) di Jack Smigth.

20 – Esce a Milano La ragazza con la pistola di Mario Monicelli, con Monica Vitti. Il film realizzerà un incasso superiore al miliardo e ottocento milioni di lire.
Escono anche film di cui si evidenzia che sono «per tutti». Ad esempio Il fantasma del pirata Barbanera (Blackbeard’s Ghost) di Robert Stevenson e Asterix il Gallico (Astérix le Gaulois), film franco-belga di animazione di René Goscinny e Albert Uderzo.

27 – A Milano anteprima italiana de Il laureato.

29 – Agli “Incontri del cinema di Sorrento” dedicato al cinema svedese, anteprima di La Vergogna (Skammen), film Ingmar Bergman, ambientato nel futuro prossimo (il 1971), sulla violenza contagiosa della guerra.

 

 
     © 2008 Un filo rosso