Al cinema  |  Avvenimenti  |  Citazioni  |  Bibliografia
Home page  |  Credits

Schede dei film citati


2001:ODISSEA NELLO SPAZIO (2001:A SPACE ODYSSEY) DI STANLEY KUBRICK, GRAN BRETAGNA 1968, 141 M.

2001: Odissea nello SpazioNel prologo una scimmia antropoide, forse influenzata da un misterioso monolite nero, scopre che un osso abbandonato può diventare un a clava. Si accende così la scintilla dell’intelligenza. Quattromila anni dopo, nel 2001, per cercare di scoprire cosa si nasconde dietro un immenso monolite nero trovato sulla Luna, un’ astronave, guidata dal più sofisticato del computer e con a bordo due astronauti e tre scienziati ibernati, parte alla volta di Giove. Durante la missione solo un membro dell’equipaggio, riuscirà a sopravvivere, ma verrà a sua volta risucchiato in una precedente dimensione spazio temporale.

Con un una resa scenica in grande stile Kubrick varca gli orizzonti dello spazio e del tempo, ripercorrendo il lungo cammino dell’uomo e il progredire della scienza e della tecnica: dalle scimmie che scoprono la prima arma per uccidere sino alle gigantesche astronavi, con un cervello elettronico (il robot-navigatore Hal 9000) che finirà per ribellarsi all’uomo-astronauta tentando di prendere il suo posto. Il monolito nero che compare puntualmente nel film può simbolicamente rappresentare la primordiale presenza di Dio, il contrappunto della storia dell’umanità e la continua (ma autodistruttrice) evoluzione dell’intelletto umano.

Realizzato con un budget di circa 50 milioni di dollari e con grandi mezzi negli studios inglesi della MGM, il film segna l’inizio dell’intellettualizzazione della fantascienza, genere fino a quel momento considerato plebeo.


     © 2008 Un filo rosso