Al cinema  |  Avvenimenti  |  Citazioni  |  Bibliografia
Home page  |  Credits

Schede dei film citati


UN UOMO DA MARCIAPIEDE (MIDNIGHT COWBOY, 1969) DI JOHN SCHLESINGER, USA 1969, 113 M.

Locandina - Un uomo da marciapiedeUn cow-boy texano (Jon Voight) arriva a New York deciso a fare soldi come gigolò, ma si ritrova negli ambienti omosessuali in compagnia di Rico (Dustin Hoffmann), un italo-americano zoppo e affetto da tisi. Tra i due nasce, come un fiore nel fango di Manhattan, una vera e sincera amicizia. Sarà il cow-boy ad accompagnare Rico nell’ultimo viaggio verso l’agognata Florida.

Dal romanzo Cowboy di mezzanotte di James Leo Herlihy, il regista inglese John Schlesinger, all’epoca quarantaquattrenne e con buoni precedenti nel Free Cinema, mette in scena una bohème made in Usa, che denuncia la crisi del mito americano, incapace di mantenere le sue promesse. Con Jon Voight, ancora da scoprire, fa coppia l’eclettico Dustin Hoffman, al suo terzo film dopo i successi de Il Laureato e Piccolo grande uomo . Il film vince tre Oscar, miglior film (il primo riconoscimento di questo tipo assegnato una pellicola vietata ai minori), regia e sceneggiatura. Celebre la colonna sonora di di John Barry, soprattutto per la canzone Everybody’s Talkin di Fred Neil, cantata da Henry Nilsson.


     © 2008 Un filo rosso