Premessa
 Prime indicazioni
 A Chieri
 A Ivrea
 A Oulx
   
   
    Forum       
   A Oulx
 
 
Non si è stati ancora in grado di recuperare materiale storiografico specifico relativo alla storia di Oulx tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta.

Tra i contributi più attinenti al tema F. BARTALETTI, Le grandi stazioni turistiche nello sviluppo delle Alpi italiane, Bologna, 1994, (in particolare la parte su Sauze d’Oulx), e il brevissimo contributo di R. MANTOVANI, L’industria dello sci a Sestrières, in L’uomo e le Alpi, Vivalda, Torino, 1993, pp. 159 / 160, oltre a M. C. MORAND, L’industria turistica e le popolazioni montane, in Ibidem, pp. 147 / 158 e a C. SIMONETTA IMARISIO, Turismo e beni culturali in Piemonte. Un percorso geografico per un rapporto in transizione, in "Studi piemontesi", novembre 2000, 2, pp. 431 / 470, più centrato però sulla situazione degli anni Novanta del XX secolo.

Tra la produzione utile solo per un inquadramento generale P. BATTILANI, Vacanze di pochi, vacanze di tutti. L’evoluzione del turismo europeo, Il mulino, Bologna, 2001 e i saggi contenuti in F. PIOLA CASELLI (a cura di), Regioni alpine e sviluppo economico. Dualismi e processi di integrazione (secc. XVII / XX), Angeli, Milano, 2003, in particolare F. NAVA, Iniziative turistiche in Valsassina nel Novecento, in pp. 355 / 365; P. AUDENINO / P. CORTI, Mobilità, integrazione e dualismi territoriali nelle Alpi occidentali (secoli XVI / XX), pp. 427 / 445; e F. BARTALETTI, Le Alpi occidentali fra spopolamento e sviluppo turistico. Situazione e prospettive, con particolare riguardo per l’Ossola, pp. 29 / 41.

 

   

Biblioteche di riferimento:

Museo Nazionale della Montagna
v. Giardino, 48
Torino
Tel. 011/66.03.849
(Catalogo informatico in www.cai.it/biblioteca)

 

  
 
 
 
    Home