Introduzione
La scuola
Il progetto
I tutor
   
  ATTIVITA' 2004-05
Il gruppo
Le ricerche
 
Le imprese
Storie di vita
Album fotografici
Network
   
Diario di bordo
   
 
Il gruppo
  Le ricerche
 
I bilanci della FIL
L'ampliameno del Tabasso
Le ricerche - Network

Altri network

Il network del tessile e le piccole aziende dei c/terzisti

La compagine del tessile chierese negli anni del boom economico è costituita da due tipici portatori di interessi: gli imprenditori autonomi ed i lavoratori per conto terzi.
Entrambe le categorie derivano prevalentemente da una matrice di origine tecnica-operaia con esperienze di lavoro maturate presso le aziende locali anche, se in alcuni casi, vi è provenienza da una condizione di coltivatore agricolo.
Gli imprenditori di solito sono nati a Chieri o nei paesi vicini e la decisione di mettersi in proprio è strettamente collegata alla congiuntura favorevole del mercato, all'esperienza acquisita ed all'appoggio di alcune banche che, molte volte, finanziano questo tipo di iniziativa promovendo il sorgere delle aziende stesse.
Le dimensioni che ne risultano sono alquanto ridotte e la conduzione è strettamente famigliare; solo in alcuni casi vi è la presenza di altri soci. Le collaborazioni nel campo degli affari raramente vengono estese ad altri soggetti o a rami collaterali ed affini alla famiglia.

I lavoratori per conto terzi operano utilizzando uno o due telai presi in prestito oppure comprati di seconda mano da un imprenditore. Sovente svolgono la loro attività in un garage o in uno scantinato.
La presenza femminile è significativa e fondamentale: con la collaborazione della moglie si manda avanti l'attività di terzista e, contemporaneamente, viene mantenuto in vita un altro tipo di occupazione più sicuro. La dipendenza dei c/terzisti dagli imprenditori è totale ed è riconducibile al grande numero di soggetti che operano in questo settore ed alla mancanza di rapporti collaborativi tra gli stessi.
Questi fenomeni determinano la mancanza di forza contrattuale e favoriscono, talvolta, situazioni caratterizzate da rapporti difficili e non sempre corretti dal punto di vista della gestione delle transazioni, con applicazione di prezzi poco remunerativi fissati in modo unilaterale dagli stessi imprenditori.
La maggioranza dei terzisti ha origini chieresi con la presenza, in alcuni casi, di immigrati dal Veneto.

     Chiudi