La scuola
Il progetto
I tutor
   
 
Il gruppo
Le ricerche
Diario di bordo
   
 
Il gruppo
  Le ricerce
 
I bilanci della FIL
 
La FIL
    
Bilancio 1958
Commento
    
Bilancio 1959
Commento
    
Bilancio 1960
Commento
    
Bilancio 1961
Commento
    
Bilanci a confronto
Indici a confronto
   
L'ampliameno del Tabasso
Le ricerche
I bilanci della FIL

Bilancio 1960
BILANCIO AL 31/12/1960

ATTIVO  
Cassa
Banche saldi attivi
Depositi presso terzi
Clienti
Effetti da esigere
Magazzino
Scorte di consumo
Macchinario
Impianti
Attrezzature
Mobilio
Veicoli
Immobile
695.683
573.015
561.600
468.256.937
21.070.528
236.484.325
1.745.320
317.052.092
53.396
20.733.744
16.137.896
6.663.496
153.134.457
 

1.296.505.173
==========
 
PASSIVO
 
Fornitori
Banche saldi passivi
Creditori diversi
Obbligazioni in circolazione
Fondo svalutazione crediti
Fondo rinnovo macchinario
Fondo ammortamento e deperimento
Fondo svalutazione macchinario
Fondo oneri straordinari
Capitale sociale
Fondo di riserva statutario
Fondo di riserva straordinario
Fondo riserva che ha scontato la ricchezza mobile
Residuo utili in c/nuovo
Utile netto d'esercizio
424.233.341
45.956.463
76.769.814
300.000.000
2.204.592
5.000.000
79.424.033

10.000.000
300.000.000
6.811.535
4.796.245
26.000.000
1.150.511
14.158.639
 

1.296.505.173
==========
 
CONTO PERDITE E PROFITTI
 
Utile lordo d'esercizio
Profitti diversi
Spese e perdite
Utile netto d'esercizio



89.997.731
14.158.639
102.255.018
1.901.352
 

104.156.370
==========


104.156.370
==========

 
 

COMMENTO AI DATI DI BILANCIO

Dalla relazione degli amministratori destinata agli azionisti si possono trarre le seguenti osservazioni:

  • Nel corso dell'esercizio i nuovi impianti e macchinari sono entrati in regolare funzionamento per la loro totale capacità produttiva. I nuovi impianti consentono una produzione più economica idonea a fronteggiare la concorrenza sempre più aspra fronteggiando validamente la battaglia sui prezzi che sono stati ripetutamente ritoccati per non perdere quote di mercato
  • I crediti verso i clienti sono aumentati di 33.135.938 (7,60%) in seguito all'incremento delle vendite ed alle dilazioni di pagamento che si aggirano mediamente sui 6 mesi
  • I debiti verso i fornitori incrementano dell' 8% per il movimento legato all'ordinaria gestione
  • La produzione dell'azienda ha subito un ulteriore aumento raggiungendo il limite massimo ottenibile con le attrezzature di cui lo stabilimento dispone.
  • Le immobilizzazioni materiali hanno subito un aumento complessivo di 74.150.499 che rappresenta il completamento degli impianti del nuovo stabilimento
  • Sotto l'aspetto finanziario l'esposizione debitoria a breve verso i fornitori ha registrato un aumento da 392.753.357 a 424.233.341 per effetto dell'ordinaria attività di gestione e questo aumento è pressoché totalmente compensato dall'aumento dei crediti verso clienti.
  • Il magazzino ha segnato una contrazione quantitativa dell'8,50%
  • Gli ammortamenti sono stati effettuati nella misura del 2% sull'immobile, 7% sul macchinario, 6% sul mobilio, 10% sugli autoveicoli, 20% sulle attrezzature riducendo le aliquote alla metà per gli aumenti verificatesi in corso di esercizio
  • l'utile d'esercizio corrisponde ad una redditività media del capitale proprio del 4,54% e del capitale investito (ROI) di circa il 7,89% con un leggero aumento rispetto all'anno precedente.
  • L'utile d'esercizio è stato accantonato a riserva per il 20% , in misura doppia rispetto all'esercizio precedente, ed il resto distribuito agli azionisti nella misura di 18 lire per le n. 600.000 azioni corrispondente al 3,60% del loro valore nominale. La remunerazione del capitale di rischio è notevolmente diminuita a beneficio dell'autofinanziamento.
     Chiudi