La scuola
Il progetto
I tutor
   
 
Il gruppo
Le ricerche
Diario di bordo
   
 
Il gruppo
La ricerca
 
La FIL
    
Bilancio 1958
Commento bilancio
    
Bilancio 1959
Commento bilancio
    
Bilancio 1960
Commento bilancio
    
Bilancio 1961
Commento bilancio
    
Bilanci a confronto
Indici a confronto
   
La ricerca

Bilancio 1959
BILANCIO AL 31/12/1959

ATTIVO  
Cassa
Banche saldi attivi
Depositi presso terzi
Clienti
Effetti da esigere
Magazzino
Scorte di consumo
Macchinario
Impianti
Attrezzature
Mobilio
Veicoli
Immobile
463.348
422.211
561.600
435.120.999
29.686.346
258.506.543
1.857.624
261.617.151
53.380.332
14.025.111
14.133.127
6.663.496
143.132.301
 

1.219.570.189
==========
 
PASSIVO
 
Fornitori
Banche saldi passivi
Creditori diversi
Obbligazioni in circolazione
Fondo svalutazione crediti
Fondo rinnovo macchinario
Fondo ammortamento e deperimento
Fondo svalutazione macchinario
Fondo oneri straordinari
Capitale sociale
Fondo di riserva statutario
Fondo di riserva straordinario
Fondo riserva che ha scontato la ricchezza mobile
Residuo utili in c/nuovo
Utile netto d'esercizio
392.753.357
56.644.342
57.567.175
300.000.000
2.204.592
-
45.842.432
5.000.000
10.000.000
300.000.000
5.579.986
4.796.245
26.000.000
866.569
12.315.491
 

1.219.570.189
==========
 
CONTO PERDITE E PROFITTI
 

Utile lordo d'esercizio
Profitti diversi
Spese e perdite
Utile netto d'esercizio



63.644.356
12.315.491

75.021.330
938.517

 

75.959.847
==========


75.959.847
==========

 

COMMENTO AI DATI DI BILANCIO

Dalla relazione degli amministratori destinata agli azionisti si possono trarre le seguenti osservazioni:

  • Nel corso dell'esercizio sono stati eseguiti i lavori di rifinitura dello stabilimento, completati gli impianti acquistati e installati i nuovi macchinari. Grazie alle nuove attrezzature e impianti è stato possibile dare impulso alla produzione che ha registrato un sensibile aumento rispetto al passato.
  • La produzione dell'azienda è rappresentata da tessuti di massa e non di qualità effettuata con l'impiego di materie prime non pregiate; solo contenendo i prezzi di vendita l'azienda può contrastare la concorrenza fattasi sempre più aspra negli ultimi anni.
  • Le immobilizzazioni materiali hanno subito variazioni di notevole entità:
    -  gli immobili passano da 139.720.300 a 143.132.301con un incremento del 2,44 %
    -  i macchinari passano da 156.711.043 a 261.617.151 con un incremento del 66,94 %
    -  gli impianti passano da 49.813.891 a 53.380.322 con un incremento del 7,16 %
    -  il mobilio e macchine d'ufficio da 9.117.418 a 14.133.127 con un incremento del 55 %
  • Sotto l'aspetto finanziario l'esposizione debitoria a breve verso i fornitori, i creditori diversi è notevolmente diminuita a causa dell'avvenuta sistemazione finanziaria della società mediante le due operazioni di straordinaria gestione di aumento del capitale sociale ed emissione di prestito obbligazionario.
  • Sono notevolmente aumentati i crediti verso la clientela passando da 231.802.309 a 435.120.999 in conseguenza dell'aumento del volume d'affari e del lungo respiro accordato alla clientela per il regolamento delle fatture
  • Il capitale sociale rappresenta è passato da 60.000.000 a 300.000.000 e rappresenta il 25 % delle fonti
  • Il prestito obbligazionario è passato da 60.000.000 a 300.000.000
  • l'utile d'esercizio corrisponde ad una redditività media del capitale proprio (ROE) del 4% e del capitale investito (ROI) del 6,20%. La diminuzione del ROI è da collegarsi al notevole aumento di capitale sociale effettuato nel mese di novembre.
  • L'utile d'esercizio è stato accantonato a riserva per il 10% ed il resto distribuito agli azionisti con un pay-out migliore rispetto all'anno precedente. Alle n. 120.000 vecchie azioni è stato distribuito un dividendo di 90 lire corrispondente al 18% del capitale di rischio investito dagli azionisti.
     Chiudi