Le 7 lezioni | Autori | Credits | Home | E-mail

 

 

 

 

Lo stereotipo dell’arretratezza

Le vicende qui esposte meritano attenzione per almeno due ragioni. Innanzitutto, perché smentiscono clamorosamente lo stereotipo dell’arretratezza meridionale, mandando in frantumi l’immagine cristallizzata di un Sud tutto e da sempre “depresso”, condannato all’immobilismo delle tare feudali del latifondo e della mancanza di capitali. La storiografia più recente sta finalmente smontando pezzo per pezzo questo logoro armamentario concettuale, che aveva finito per cancellare intere sezioni - e le più significative! - della storia del Mezzogiorno: le trasformazioni del paesaggio agrario, l’esistenza di uno scenario urbano di città medie, i processi di mobilità sociale innescati dall’emergere delle borghesie locali, nell’insieme le forme e i tempi di una “difficile modernizzazione”. I protagonisti in questo caso non sono nobili spiantati né plebi rurali in bilico tra atavica rassegnazione e anarchico ribellismo, ma sono piuttosto proprietari-modello, imprenditori, mercanti e banchieri, esponenti di una solida borghesia delle professioni, che non si limitano a tesaurizzare passivamente la rendita fondiaria ma che invece tentano di coniugare risparmio e investimento, sviluppo e occupazione.

          La seconda ragione attiene ai caratteri originali del territorio in cui si è incardinata la storia dell’agricoltura iblea, quella vasta Contea degli Henriquez-Cabrera che lungo l’età moderna, dalla fine del XV secolo agli inizi del XIX, aveva sperimentato, con la diffusione dell’enfiteusi, forme precoci di frazionamento terriero e di uso intensivo dei suoli. L’incidenza marginale del latifondo e la presenza di élites locali aperte alle innovazioni agronomiche e alle sollecitazioni produttive del mercato internazionale, soprattutto a partire dalla metà del ’700, hanno alimentato un lento ma costante processo di colonizzazione e di trasformazioni fondiarie che hanno plasmato lo spazio geografico e sociale, imprimendovi i segni marcati del capitalismo. L’espansione ottocentesca del vigneto nella pianura vittoriese, il massiccio impianto di carrubeti e oliveti nella bassa collina, la rotazione cereali/allevamento nell’altopiano e la diffusione novecentesca dei primaticci e delle colture protette lungo il periplo costiero non solo hanno mutato le vocazioni ambientali del paesaggio agrario, ma hanno modificato in profondità anche i tradizionali equilibri fra città e campagna, immettendo linfa nuova nel sistema policentrico delle cittadelle iblee, che oggi assolvono le funzioni terziarie e commerciali di centri urbani al servizio di una campagna “ricca”.

...:::: torna su
...:::: vai paragrafo precedente
...:::: torna al sommario della lezione

 

  Sommario
     
  Ragusa e la sua Provincia: un Mezzogiorno "dinamico"
  Da antico granaio a distretto agro-alimentare moderno 
  “L’Effetto serra" sull'economia iblea
  Zootecnia e allevamento, il secondo pilastro dell'economia ragusana
  La moderna industria lattiero-casearia
  Il “Progetto ibleo” per garantire le produzioni di qualità
  Altre forme di ricchezza
  Un bilancio del “modello ibleo”
  Lo stereotipo dell’arretratezza
    
     
  Autore
  Bibliografia
  Glossario
 
  Home
  Email
 

 Sito ottimizzato per una visualizzazione a 800x600

 
 
 

A cura di Cliomedia Officina Srl e della Regione Siciliana